Confidi per le PMI e le imprese Artigiane

CONFIDARE S.C.p.A. è un Confidi 106 operante in tutto il territorio nazionale e in particolar modo nella regione Piemonte e nell’area del Nord Ovest.

Ci occupiamo di agevolare l’accesso al credito per le imprese artigiane e le Pmi.

CONFIDARE S.C.p.A., con oltre 19.000 imprese associate, è una cooperativa di garanzia (Confidi) con la finalità precipua di agevolare l’accesso al credito ai soci al fine di stimolarne lo sviluppo, l’ammodernamento e la trasformazione, nel quadro del potenziamento del sistema economico locale e nazionale. E’ retto e disciplinato secondo i principi della mutualità ed è senza fini di lucro. Il nostro Consorzio Fidi nasce nel 2003 attraverso un processo di fusione promosso da Confartigianato Imprese, sistema associativo di cui è parte integrante, seppur sviluppi la propria strategia ed operatività nella più compiuta e definita autonomia. Risulta iscritto il 10 novembre 2009 all’Albo degli Intermediari Finanziari Vigilati da Banca d’Italia e nel corso dell’anno 2013 ha superato brillantemente e con esito positivo gli accertamenti Ispettivi operati presso la Sede Centrale a cura dell’Area Vigilanza di Banca d’Italia. Apri pdf (documento d’iscrizione Albo Confidi 107).

Lo scopo del nostro Consorzio Fidi è farsi portavoce degli interessi delle piccole imprese, nella misura corrispondente al peso delle stesse nel processo di accesso al credito agevolato e convenzionato, e nel rapporto con gli istituti di credito. Attraverso i propri servizi, il nostro Confidi punta a:

  • accrescere l’omogeneità operativa e funzionale delle Filiali e della Sede Centrale, in un quadro procedurale e metodologico condiviso ed innovativo, da realizzarsi attraverso la piena uniformità del servizio offerto sul territorio regionale;
  • mantenere capacità continua di adeguamento, in materia creditizia, ai bisogni delle imprese, proponendo anche un servizio attivo sul territorio a disposizione delle imprese socie;
  • implementare, con un processo di “formazione permanente”, il contenuto di professionalità della struttura e di ciascun singolo collaboratore.

Artigiancassa S.p.A. (Gruppo BNP Paribas) è la banca di riferimento degli artigiani e delle PMI.
Le imprese della regione Lazio possono individuare da subito il finanziamento Artigiancassa più adatto alle proprie necessità, l’importo della rata da pagare, le agevolazioni disponibili e la fattibilità dell’operazione.
Fortini Consulting è Artigiancassa Point, a Roma e nel Lazio, sportello diretto per tutti i tipi di operazioni; si offre consulenza ed assistenza per tutte le principali operazioni destinate a finanziare le imprese.
Procedure più veloci, trasparenti e flessibili, tassi e condizioni vantaggiose.

  • investimenti in laboratori, impianti ed attrezzature, per favorirne l’acquisizione, il rinnovo ed il miglioramento;
  • acquisizione di scorte utili al ciclo produttivo dell’impresa;
  • esigenze di gestione, per affrontare temporanee carenze di liquidità dell’impresa o per ricostituire il capitale circolante;
  • ristrutturazione delle passività aziendali, per affrontare le situazioni debitorie pregresse;
  • sostegno ad aspiranti imprenditori, per favorire la nascita di nuove imprese artigiane.

Finanziamenti Artigiancassa

    • Medio e Lungo Termine (tasso fisso e variabile)
    • approviggionamento scorte di materie prime o prodotti finiti;
    • investimenti in beni capitali e risorse da impiegare nel processo produttivo;
    • investimenti in sistemi e prodotti telematici ed innovazione processi;
    • sostegno all’imprenditoria femminile;
    • costruzione impianti per la produzione di energia rinnovabile;
    • ripianamento passività;
    • avvio di nuove attività.

Breve Termine (tasso fisso e variabile)

  • anticipo contributi;
  • esigenze di liquidità;
  • acquisizione scorte.
  • Leasing Immobiliare e Leasing Strumentale

Tutte le PMI (secondo la definizione europea e cioè le imprese che vanno dalla ditta individuale alla società con max 250 dipendenti, un fatturato di max 50 mln di euro, max 43 milioni in attivo sullo Stato Patrimoniale) “economicamente e finanziariamente sane” possono usufruire dei fondi accantonati dal Ministero del Tesoro e assegnati in gestione al Medio Credito Centrale in Roma per ottenere garanzie a copertura dei crediti che ottengono dal sistema bancario.

Tali garanzie hanno la caratteristica di essere a prima richiesta e, per le banche, vengono conteggiate a “ponderazione zero” il che significa che per la quota coperta dalla garanzie non occorre che la banca accantoni patrimonio a copertura dell’eventuale perdita. Infatti è lo Stato pagatore di “ultima istanza” e quindi si fa garante della solvibilità del sistema della PMI.

Questa garanzia può essere richiesta in forma diretta dalla Banca stessa al momento in cui ritiene di affidare l’impresa. Sotto forma di controgaranzia se la banca è già garantita da un Confidi che provvede a sua volta a farsi garantire dal Fondo. Oppure come cogaranzia quando il Confidi e il Fondo stesso intervengono congiuntamente a coprire il rischio della Banca.

È evidente che il “peso” di tali garanzie rende più agevole l’accesso al credito da parte dell’impresa e concorre a determinare un “pricing” più vantaggioso. Ovviamente possono accedere a tale garanzia le PMI che ottengano una valutazione positiva la quale viene assegnata secondo uno “scoring” impostato su parametri definiti dal gestore del Fondo stesso. La garanzia copre dal 60 al 70% del credito concesso ed è finalizzata sia per investimenti che per liquidità e/o partecipazioni di capitale. Le imprese femminili sono avvantaggiate sia nell’intensità di aiuto che nel costo che si deve riconoscere al gestore del fondo all’atto dell’ottenimento della garanzia.

Il microcredito è uno strumento finanziario che ha lo scopo di rispondere alle esigenze di inclusione finanziaria di coloro che presentano difficoltà di accesso al credito tradizionale.

Finanziamento fino a 35.000€.

BENEFICIARI:

– Lavoratori autonomi titolari di partita IVA da non più di 5 anni e con massimo cinque dipendenti;

– Imprese individuali titolari di partita IVA da non più di 5 anni e con massimo cinque dipendenti;

– Società di persone, società tra professionisti, s.r.l. semplificate e società cooperative,titolari di partita IVA da non più di 5 anni e con massimo 10 dipendenti

 

CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO:

– Mutuo chirografario a tasso fisso

– Durata minima 24 mesi e massima 60 mesi, aumentati di 6 in caso di preammortamento (max 12 mesi)

– Importo max € 25.000,00, che possono diventare € 35.000,00 se le ultime 6 rate pregresse sono state pagate in maniera puntuale e se lo sviluppo del progetto finanziato risulta in linea con il raggiungimento dei risultati intermedi stabiliti dal contratto di finanziamento e verificati dalla Banca.

– Garanzia pubblica del Fondo di garanzia per le PMI (80% dell’importo finanziato); la Banca potrà richiedere ulteriori garanzie personali (non reali) solo relativamente alla parte non coperta dalla garanzia pubblica.

 

SPESE AMMISSIBILI:

 

– Acquisto di beni ( incluse le materie prime necessarie alla produzione dei beni o servizi e -le merci destinate alla vendita) o servizi connessi all’attività;

– Pagamento di retribuzioni di nuovi dipendenti soci lavoratori;

– Sostenimento dei costi per corsi di formazione aziendale;

– Ripristino capitale circolante;

– Operazioni di liquidità;

– No ristrutturazione del debito.